ReinheitsgebotL’editto sulla purezza della birra

http://zago.itelan-adeline.com/wp-content/uploads/2018/01/Reinheitsgebot-zago-birrificio.jpg

Zago produce le sue birre con materie prime di alta qualità, seguendo i metodi tradizionali dettati dall’Editto sulla purezza della Birra del 1516 (Reinheitsgebot).

Il Reinheitsgebot (in tedesco “decreto/dettame di purezza”) è una norma promulgata da Guglielmo IV di Baviera nella città di Ingolstadt nel 1516, atta a regolamentare la produzione e la vendita della birra in Baviera. Si ritiene che si tratti della più antica regolamentazione nel settore igienico-alimentare ancora in uso.

Nel testo originale sono designati, come soli ingredienti utilizzabili nella produzione della birra, l’acqua, lo orzo, e il luppolo.

Nell’editto non è menzionato il lievito.

Fu solo nei primi anni dell’Ottocento che Louis Pasteur scoprì il ruolo dei microorganismi nel processo di fermentazione, pertanto, all’epoca della stesura del testo, il lievito non era riconosciuto come ingrediente della birra. I mastri birrai in genere raccoglievano il “fondo” di una fermentazione precedente per aggiungerlo a quella successiva: tale sedimento conteneva di solito i microorganismi necessari per attivare il processo.

Il luppolo era aggiunto alla birra come conservante e la sua menzione nel Reinheitsgebot indica la volontà di prevenire i metodi di conservazione scadenti usati prima del suo utilizzo. I birrai medioevali, prima di tal editto, avevano usato molti ingredienti problematici per conservare la birra tra cui, per esempio, la fuliggine e l’amanita muscaria. Più comunemente erano utilizzate altre erbe come l’ortica, “imparentata” con il luppolo.